Declinazioni D'Opera: La tuffatrice nel banco di acciughe.


P:- Sono Giuliana Poggi, scultrice e lavoro da parecchi anni a Genova. Prevalentemente i miei lavori sono di soggetto marino e adopero diversi materiali. Quando Astrati mi ha proposta questa incursione nel campo della tecnologia per me si sono aperte nuove prospettive creative. Ho sempre lavorato su pezzi unici anche se spesso mi sono occupata di arte applicata all’arredamento e alla produzione di oggetti funzionali.

A:- Parlando con Giuliana di funzionalità e design è nata l’idea di: “Declinazioni d’opera” ovvero si parte dall’idea che, l’opera d’arte scultorea grazie alle nuove tecnologie 4.0 ( come scanner tridimensionale, progettazione 3D avanzata e stampa 3D), possa cambiare dimensioni, materiale e quindi destinazione d’uso e diventare arredo di interni o esterni, accessori, gioielleria...

P:- Ho proposto ad Astrati di lavorare sulla mia scultura in ceramica refrattaria: “La tuffatrice” che ha una lunghezza di 50 cm, materiale delicato e non adatto agli esterni. La particolarità e la difficoltà che questa forma presenta è la sua sinuosità.

A:- Abbiamo quindi scansionato in 3D l’opera di Giuliana e progettato digitalmente assieme a lei diverse declinazioni come un collier, un tavolo, una lampada e perché no, una maniglia.

G:- Qui entriamo noi: l’azienda Razeto & Casareto di Sori è un’importante e storica azienda produttrice di maniglie per la nautica. Avevamo già collaborato con Giuliana Poggi per un remix della maniglia freego ispirato a: “Il banco di acciughe” in plexiglass.

Abbiamo accolto con entusiasmo l’idea e abbiamo impostato assieme la realizzazione di una maniglia per doccia per la serie Tributes. Ho discusso con Astrati degli aspetti tecnici e progettuali per arrivare a stabilizzare il prodotto e la sua riproducibilità

P:- Ho voluto unire la trasparenza del plexiglass, la suggestione del colore, per creare un fondale di forte impatto visivo che interagisse con la luce sia artificiale che naturale. Il fondale è decorato a cammeo con il banco di acciughe contro il quale si slancia la tuffatrice dorata.

A:- La statua di Giuliana, dopo la riprogettazione digitale, è stata stampata in 3D e lavorata con un coating particolare che ha reso la maniglia calda e solida al tatto, successivamente è stata rivestita con foglia d’oro a 24 Kt. Nell’opera, la silhouette di una donna nell’atto del tuffo è scomposta in due distinte parti da utilizzare nelle porte a doppia anta.

G:- Così è nato il prototipo di porta scorrevole con maniglia ergonomica e perfettamente funzionale. Particolarmente adatto al mondo Superyacht che è stato presentato al Mets di Amsterdam.

A: L’idea del tributes che abbiamo costruito parte dal concetto di “declinazioni d’opera”, ovvero un nuovo pezzo unico, creato su commissione del cliente per venire incontro ad ogni sua esigenza. I pezzi sono numerati, firmati e registrati.

P:- Questa è una sfida progettuale che unisce arte e design.

A:- Arte che diventa oggetto funzionale cambiando dimensioni e materiale per meglio adattarsi alle esigenze di arredo.

P:- Sono Giuliana Poggi, scultrice e lavoro da parecchi anni a Genova. Prevalentemente i miei lavori sono di soggetto marino e adopero diversi materiali. Quando Astrati mi ha proposta questa incursione nel campo della tecnologia per me si sono aperte nuove prospettive creative. Ho sempre lavorato su pezzi unici anche se spesso mi sono occupata di arte applicata all’arredamento e alla produzione di oggetti funzionali.


A:- Parlando con Giuliana di funzionalità e design è nata l’idea di: “Declinazioni d’opera” ovvero si parte dall’idea che, l’opera d’arte scultorea grazie alle nuove tecnologie 4.0 ( come scanner tridimensionale, progettazione 3D avanzata e stampa 3D), possa cambiare dimensioni, materiale e quindi destinazione d’uso e diventare arredo di interni o esterni, accessori, gioielleria...

P:- Ho proposto ad Astrati di lavorare sulla mia scultura in ceramica refrattaria: “La tuffatrice” che ha una lunghezza di 50 cm, materiale delicato e non adatto agli esterni. La particolarità e la difficoltà che questa forma presenta è la sua sinuosità.

A:- Abbiamo quindi scansionato in 3D l’opera di Giuliana e progettato digitalmente assieme a lei diverse declinazioni come un collier, un tavolo, una lampada e perché no, una maniglia.

G:- Qui entriamo noi: l’azienda Razeto & Casareto di Sori è un’importante e storica azienda produttrice di maniglie per la nautica. Avevamo già collaborato con Giuliana Poggi per un remix della maniglia freego ispirato a: “Il banco di acciughe” in plexiglass.

Abbiamo accolto con entusiasmo l’idea e abbiamo impostato assieme la realizzazione di una maniglia per doccia per la serie Tributes. Ho discusso con Astrati degli aspetti tecnici e progettuali per arrivare a stabilizzare il prodotto e la sua riproducibilità

P:- Ho voluto unire la trasparenza del plexiglass, la suggestione del colore, per creare un fondale di forte impatto visivo che interagisse con la luce sia artificiale che naturale. Il fondale è decorato a cammeo con il banco di acciughe contro il quale si slancia la tuffatrice dorata.


A:- La statua di Giuliana, dopo la riprogettazione digitale, è stata stampata in 3D e lavorata con un coating particolare che ha reso la maniglia calda e solida al tatto, successivamente è stata rivestita con foglia d’oro a 24 Kt. Nell’opera, la silhouette di una donna nell’atto del tuffo è scomposta in due distinte parti da utilizzare nelle porte a doppia anta.

G:- Così è nato il prototipo di porta scorrevole con maniglia ergonomica e perfettamente funzionale. Particolarmente adatto al mondo Superyacht che è stato presentato al Mets di Amsterdam.

A: L’idea del tributes che abbiamo costruito parte dal concetto di “declinazioni d’opera”, ovvero un nuovo pezzo unico, creato su commissione del cliente per venire incontro ad ogni sua esigenza. I pezzi sono numerati, firmati e registrati.

P:- Questa è una sfida progettuale che unisce arte e design.

A:- Arte che diventa oggetto funzionale cambiando dimensioni e materiale per meglio adattarsi alle esigenze di arredo.

0 visualizzazioni
Astrati logo
Contattaci/Contact us
Get social with Astrati

Astrati di Olia Enrico

P.IVA 02661340998

Tel./Phone:         +39 010 4558971

WhatsApp          +39 348 3642495
Email:                 info@astrati.eu
Indirizzo/Address:

Via Caprera 8/2

16146 Genova

  • YouTube Social  Icon
  • Twitter Social Icon
  • LinkedIn Social Icon
  • Facebook Social Icon

Enrico Olia 2019 tutti i diritti riservati.

Enrico Olia 2019 all rights reserved.