CGDAY 2016- A CHIAVARI OSPITI DI LAB2SHARE


lab2share

Lab2Share ci sono venuti a trovare qualche giorno fa nel nostro ufficio di Via Canneto il Lungo 23/1 a Genova. Sono interessati a Fusion 360, un software di progettazione su cui Autodesk sta puntando molto che noi rivendiamo come OneTeamPoint di Genova e della Liguria.

Dai software poi siamo passati a quello che facciamo e quello che vorremmo fare. Io e Michela ci siamo trovate ad elencare le medesime fiere e gli stessi convegni. Marco ha una formazione elettronica e ci parla dei suoi esperimenti con le stampanti a filamento (Michela ci racconta inorridita di quando una loro stampante ha preso fuoco).

Hanno un dipendente, Fabio ed è lui che ci ha fatto conoscere grazie ad un evento creato dal MadLab di Genova. Le sinergie iniziano a correre e questo è sempre un bene.

Fabio viene dalla computer grafica ed il mondo dell’arte 3D.

E’ il 30 giugno, una bella mattina di sole, io ed Enrico siamo arrivati a Chiavari, nel loro spazio arioso già gremito di gente (più di una trentina di persone) davanti al video proiettore dove si susseguono le slide.


IMG_0775

SMART MATERIAL GROUP dell IIT (Istituto Italiano di Tecnologia).

Il dottore-ricercatore UTTAM PAUL ha fatto una panoramica sulle prospettive future dei bio- compositi.

Il problema ecologico è chiaro ai più, il nostro mondo è un ecosistema chiuso e la produzione di rifiuti plastici difficilmente e lentamente smaltibili crea molti problemi.

Le stampanti 3D sono spesso presentate come più ecologiche rispetto ad altre tecnologie (riduzione della produzione su  larga scala per una produzione on-demand), ma questo è vero, o sarà vero, soltanto quando la rivoluzione dell’industria 4.0 sarà compiuta; nell’immediato abbiamo tante piccole o grandi stampanti che producono plastica, ancora ed ancora plastica. Il dottor Uttam Paul, nato in Bangadlesh, formato in Inghilterra e residente a Pontedecimo, studia come creare della plastica completamente bio-degradabile,

Le possibilità che ha presentato sono: PLA e cellulosa, PLA e MCC, cellulosa / PC.

Lo studio dell’IIT è sulla composizione e l’analisi dei vari materiali per produrre un filamento performante ed ecologico, completamente compostabile e che quindi può produrre nuovo mais (ingrediente fondamentale della PLA) o alberi (per la cellulosa).

Le caratteristiche del materiale cambiano a seconda della composizione creando materiali più rigidi o più gommosi ed elastici.


ottimizzazione topologica

#Lab2Share #OneTeamPoint #Chiavari #Autodesk #MichelaFrugone #progettazione #IIT #tecnologieadditive #MarcoLagomarsino #Pla #MCC #Liguria #SMARTMATERIALGROUP #IstitutoItalianodiTecnologia #ottimizzazionetopologica #Genova #astrati #Stampa3D #UttamPaul #Fusion360

0 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Trasloco!

Il blog di Adstrati si è trasferito sul suo sito: https://www.astrati.eu/blog Seguici!