IL PLANTOIDE CHE CRESCE GRAZIE ALLA STAMPA 3D


Come vi avevo promesso dopo il primo resoconto del Tecnology Hub ecco che nella calura estiva ci occupiamo di una delle sperimentazioni che mi hanno più incuriosito ovvero una ricerca fatta dall’ IIT, istituto italiano di tecnologia, finanziata dalla Comunità Europea, sulla costruzione di robot ispirati alle piante.

Il banco dell’ITT espone un albero il cui tronco e i rami sono stampati in 3D; sopra i rami vi sono dei fiori di plastica traslucida, sotto il tronco, grandi quasi il doppio rispetto a tronco e rami, le radici. Esse affondano in un terreno artificiale fatto di palline bianche contenute in una bacheca, queste radici sono grosse e tozze, quasi dei grossi bacchi, un ragazzo in camicia bianca mi sorride:

– Cos’è?

Chiedo sorridendo.

– Un Plantoide.

Mi risponde lui, fissandomi.

– A cosa serve?

Continuo, cercando una relazione con questo cervellone dell’IIT poco loquace.

– Non si sa, noi lo abbiamo fatto ma ancora non ha un’applicazione pratica specifica, per ora abbiamo fatto le sperimentazioni con questo terreno sintetico, molto più facile da perforare rispetto al terreno reale.

Povero Plantoide, non ho ancora capito cosa fa e come è stato costruito che viene subito

Invece il Plantoide è un robot estremamente interessante, non per niente la Stampa lo salutava come un possibile elemento rivoluzionario per il monitoraggio del suolo; perfino l’ESA si è dimostrata interessata per lo studio dell’ancoraggio della nuova navetta spaziale Rosetta e in campo medico si sono aperti nuove possibilità per lo studio di endoscopi intelligenti.

Ma come funziona?

Il Plantoide si inserisce nel campo della robotica bioispirata, ovvero lo studio della natura per progettare delle macchine che possono adattarsi all’ambiente circostante in maniera autonoma. I principali punti di studio del plantoide sono le radici e le foglie.

Il movimento delle piante è frutto di una lunga ricerca attuata dalla natura che ha perfezionato e reso il più economico possibile ogni passaggio: far crescere una radice è dispendioso in termini energetici e quindi le piante non buttano le loro radici a casaccio nella speranza di trovare qualcosa, esse devono

  1. superare degli ostacoli che si pongono sul loro cammino,

  2. allontanarsi da quei fattori che potrebbero essere pericolosi

  3. avvicinarsi a quelle sostanze come l’acqua e altri agenti nutritivi che invece servono alla pianta nel suo insieme

Caratteristica interessante, lo fanno andando verso il basso, quindi seguendo la gravità.


Il ricercatore pone ora davanti alla radice un ostacolo e la radice si gira, oltrepassa l’ostacolo e poi riprende a crescere verso il basso.

  1. La difficoltà più grande è stato capire come crescono le radici, perché queste si allungano dalla punta, e non dal fondo, permettendo di ottimizzare il processo.

  2. E i fiori?

  3. Anche i fiori si muovono, cioè si aprono e si chiudono in relazione all’umidità.

Non lo chiedo ma pensare alle foglie come pannelli solari che seguono il sole mi pare una banalità e il mio poco loquace ricercatore mi sorride.

  1. Grazie.

Faccio qualche ricerca e scopro che c’è un mondo dietro alla robotica soft, cioè la robotica che non usa scheletri già realizzati ma che se li costruisce.


In questo caso la stampa 3D è uno dei tanti elementi che hanno reso possibile la creazione di questo prototipo, è una delle parti che costituiscono questo nuovo filone di ricerca che avrà, mi auguro,  importanti applicazioni anche pratiche.

Qualche sito di approfondimento:

www.plantoid-project.eu

LaRepubblica

Lettera43

Il corriere della sera

Le scienze

#Mazzolai #Donne #IIT #tecnologieadditive #plantoide #robotica #TechnologyHub #stampa3d #milano #IstitutoItalianodiTecnologia #fdm #Genova #astrati #Stampa3D #esa

Astrati logo
Contattaci/Contact us
Get social with Astrati

Astrati di Olia Enrico

P.IVA 02661340998

Tel./Phone:         +39 010 4558971

WhatsApp          +39 348 3642495
Email:                 info@astrati.eu
Indirizzo/Address:

Via Caprera 8/2

16146 Genova

  • YouTube Social  Icon
  • Twitter Social Icon
  • LinkedIn Social Icon
  • Facebook Social Icon

Enrico Olia 2019 tutti i diritti riservati.

Enrico Olia 2019 all rights reserved.